Scrivere l’immagine: la descrizione come innesco o intervallo narrativo

Nei giorni 25 e 26 settembre, ore 14,00-17,00, presso lo Studium 6, aula 3 e aula 7 dell'Università del Salento, si terrà l'atelier di scrittura a cura di Andrea Inglese Scrivere l’immagine: la descrizione come innesco o intervallo narrativo.

Fin dall’epopea omerica, il procedimento dell’ècfrasi (descrizione di un'immagine, di un oggetto, di una scena statica) svolge un ruolo fondamentale nello svolgimento dell’intreccio. Il segmento descrittivo acquista, a seconda dei contesti in cui si inserisce, un valore specifico all’interno della narrazione: esso conforta l’effetto di realtà, dando spessore ad ambienti e paesaggi, ma costituisce anche una risorsa narrativa, permettendo di rallentare il procedere della peripezia. La funzione dell’ècfrasi è dunque sia locale sia architettonica: contribuisce a restituire sulla pagina l’opacità del mondo, e nello stesso tempo la descrizione può assumere il ruolo di digressione, o addirittura di tema chiave all’interno del romanzo.

L’atelier costituirà l'occasione di realizzare tre concreti esercizi di ècfrasi letteraria. Dopo un’introduzione relativa alla funzione narrativa della descrizione di oggetti, paesaggi o opere d’arte, e una sintetica presentazione delle tipologie più celebri di ècfrasi letteraria, si inviteranno i partecipanti dell’atelier a misurarsi con un dipinto figurativo tratto dal patrimonio iconografico europeo tra Quattrocento e Settecento. Il secondo esercizio riguarderà lo sviluppo narrativo di una fotografia di di Gregory Crewdson – uno dei maggiori fotografi contemporanei –, che lavora sull’immaginario cinematografico e sul suo riuso perturbante. L’esercizio finale consisterà, invece, nell’elaborare la descrizione di un’immagine o di un dipinto inesistente.

Ogni esercizio ha come compito di sollecitare delle specifiche competenze, in un percorso di difficoltà e padronanza crescente delle tecniche narrative.