"Questo e altro. Poesia e altri saperi" - Ciclo di seminari a cura del Centro di ricerca PENS: Poesia contemporanea e Nuove Scritture

 Il 13 dicembre 2017 alle ore 15.00 presso l’aula 6 (Sperimentale 2 - Università del Salento), si terrà il primo incontro del ciclo “Questo e altro. Poesia e altri saperi”, titolo che si ispira alla rivista letteraria fondata da Vittorio Sereni negli anni Sessanta.

 Il seminario inaugura le attività del Centro di ricerca “PENS: Poesia contemporanea e Nuove Scritture” per l’a.a. 2017-2018; gli incontri in programma, tenuti da docenti dell’Università del Salento e di altre Università, affronteranno le relazioni che intercorrono tra la scrittura in versi e le altre forme di sapere (storia, filosofia, geografia, musica), attraverso l’analisi testuale di opere di autori contemporanei. In particolare, nell’ambito della rassegna, sarà riservato ampio spazio al confronto tra poesia e canzone, con un ‘ciclo nel ciclo’ dal titolo “Il suono e l’inchiostro” previsto per il II semestre.

 Il primo seminario, "Il linguaggio allo specchio. Oltranza e oltraggi nella poesia di Andrea Zanzotto", dedicato al dialogo tra poesia e filosofia, sarà tenuto da Michele Truglia (Università Statale di Milano).

Giovedì 11 maggio alle ore 11.00, nella Sala Grottesca del Rettorato (Lecce, Piazza Tancredi), nell’ambito del Corso di Letteratura italiana contemporanea  (Prof. Antonio Lucio Giannone), il prof. Yannick Gouchan terrà un seminario di studi dal titolo “Vittorio Sereni e la storia”.

Gouchan, che insegna Letteratura italiana presso l’Università di Aix-Marseille (Francia), si è occupato di narrativa del Novecento e di poesia italiana contemporanea, prevalentemente di Pascoli, Saba, Penna, Bertolucci, Sereni, Quasimodo.

Ha pubblicato nel 2016, con Luca Bani, il volume La figura del fanciullo nell’opera di D’Annunzio, di Pascoli e dei crepuscolari.

Il ciclo di seminari "Working Class: seminari su fabbriche, lavoro e nuove scritture" si conclude il 12 aprile. A partire da "Visita in fabbrica" di Vittorio Sereni, il professore Simone Giorgino terrà un seminario dal titolo "Poesia in fabbrica".

C’è un tassello mancante, una falla, nel diagramma della scrittura di Cosimo Argentina. Ed è pericoloso che questa falla non si leghi ad un momento qualsiasi dell’opera dello scrittore tarantino, ma alle sue origini. Lettori più e meno affezionati, esperti del settore e neofiti: tutti pensano (e sono invitati a pensare) che la prima orma appartenga a Leonida Ciocri, chiamato nell’anno 1999 a cercare un riscatto sotto tre differenti e fallimentari vesti: militare prima, studente poi e scrittore infine. Il Cadetto, Marsilio editore, premio Kihlgren per l’opera prima: questo recita la bibliografia. Peccato che la cronologia necessiti di un fondamentale aggiornamento. (Mercoledì 5 e Giovedì 6 aprile, una due giorni su Argentina all'Università del Salento, nell'ambito di Working Class, il ciclo di seminari su fabbriche, lavoro e nuove scritture organizzato da Pens)