Manganelli, come Minerva dal cervello di Giove, nasce già maturo, scrittore dalle caratteristiche già ben definite, e del resto nel 1964 all'epoca del primo romanzo ha già quarantadue anni. Con la sua sintassi elaborata e le fantasticherie visionarie affonda le sue radici nella letteratura italiana del secolo diciassettesimo, tra Rinascimento e Barocco. Forte di tutta la carica innovatrice e sovversiva del suo manierismo letterario, demolisce senza pietà, sia nell'attività di scrittore che in quella di critico e teorico letterario, tutta la letteratura dell'Ottocento e del Novecento dalle intenzioni educative o virtuosamente didascaliche e ideologiche, con le sue pretese di realismo. Demolisce la figura dello scrittore come intellettuale impegnato, la pretesa di contare qualcosa nella storia e nella società e il romanzo come tradizionale narrazione di fatti.

Sebbene il rapporto tra storia e letteratura sia uno dei nodi fondamentali della riflessione di Leonardo Sciascia, Il Consiglio d’Egitto può essere considerato un unicum all’interno della sua produzione letteraria. Infatti, nonostante la ricerca storica e l’utilizzo dei documenti d’archivio siano alla base di molte delle sue opere, solo Il Consiglio può essere fatto rientrare nel filone del romanzo storico moderno. D’altra parte, a causa della sua complessa problematicità, per il romanzo storico potrebbe sembrare più opportuno fare riferimento alla categoria di “modo”, piuttosto che a quella di genere in senso stretto, così da poter cogliere le continuità, al di là delle fratture, tra i diversi filoni della narrativa storica dell’Ottocento e del Novecento.